Italiano | English A A A | site map
menu ≡

SemeNostrum

L’impresa
L’azienda SemeNostrum è una ditta sementiera con sede presso l’Azienda Agraria Universitaria Antonio Servadei di Udine. Si dedica alla coltivazione di specie erbacee selvatiche del Friuli Venezia Giulia, reperite nel loto ambiente naturale e moltiplicate a pieno campo per la produzione di sementi che vengono vendute in purezza o in miscuglio per la realizzazione di rinverdimenti, prati fioriti ornamentali e prati fioriti a bassa manutenzione.

L’esigenza
SemeNostrum, per poter sviluppare il proprio business, ha individuato due esigenze su cui fare leva: da un lato quella di affinare le tecniche attualmente adottate dall’azienda SemeNostrum per la coltivazione delle piante porta-seme e per la preparazione delle sementi, al fine di rendere il processo economicamente sostenibile per produzioni consistenti che siano in grado di soddisfare le esigenze del suddetto mercato potenziale; dall’altro quella di elaborare delle prescrizioni di utilizzazione delle sementi stesse che siano fondate su evidenze sperimentali, e che possano costituire uno schema di riferimento per la consulenza tecnica a terzi interessati ad interventi di recupero ambientale basati sull’uso di materiale locale.

La soluzione
SemeNostrum si è rivolta quindi a Friuli Innovazione proponendosi per l’iniziativa Bando alle Imprese che ha finanziato azioni di ricerca e trasferimento tecnologico di rilievo su presentazione di progetti di sviluppo. L’obiettivo era quello di perfezionare e rendere disponibile a terzi la metodica di utilizzazione di una tipologia di prodotto ancora pressoché sconosciuta in Regione quale è la semente di fiori selvatici di prato e di campo.
SemeNostrum ha avviato quindi un progetto di ricerca, grazie al finanziamento ricevuto con Bando alle Imprese e in collaborazione con l’Università degli Studi di Udine – Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali, riassumibile in una prima fase dedicata al confronto tra i diversi metodi agronomici per la coltivazione in purezza delle specie di maggior interesse commerciale e da una seconda fase per la redazione di un codice di buona pratica, vale a dire una serie di prescrizioni tecniche sia per il reperimento che per l’utilizzazione delle sementi. Le ricadute del progetto riguardano sia il settore agricolo, oggi fortemente in crisi e orientato per necessità sempre più a colture di piccola scala e/o pregio quali orticole tipiche e colture biologiche, sia la conservazione delle risorse genetiche autoctone del Friuli Venezia Giulia che tutti i portatori di interesse coinvolti in interventi di rinverdimento susseguenti a interventi infrastrutturali.

I risultati
Le attività svolte hanno permesso di ottenere indicazioni concrete per l’ottimizzazione della produzione a pieno campo delle specie selvatiche coltivate da SemeNostrum, in particolare per quella delle specie perenni. Sono stati poi verificati alcuni parametri di utilizzo in ambito urbano delle specie erbacee incluse in un miscuglio-tipo per prato fiorito SemeNostrum (quali ad esempio l’idonea preparazione del terreno, la miglior epoca di semina, la dose di semente…).
Infine sono state redatte delle linee guida per l’uso di sementi di fiori selvatici del Friuli Venezia Giulia in ambienti antropizzati.

I partner
Friuli Innovazione - Centro di Ricerca e di Trasferimento Tecnologico, partner che ha promosso e coordinato Bando alle imprese, iniziativa che ha finanziato azioni di ricerca e di trasferimento tecnologico per mobilità (tra cui il progetto di SemeNostrum) coinvolgendo PMI ed enti pubblici che svolgono ricerca in Regione, in relazione a piccoli progetti rivolti alla collaborazione tra imprese/università/centri di ricerca/parchi scientifici, alla valorizzazione di capitale umano altamente qualificato ed allo sviluppo competitivo.


Università degli Studi di Udine – Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali, partner che ha messo a disposizione un ricercatore per tutta la durata del progetto nonché le competenze e le strutture del dipartimento universitario e in particolare dell’Azienda Agraria Universitaria Antonio Servadei.