Italiano | English A A A | site map
menu ≡

Friuli Innovazione: Risultati 2015 - Prospettive 2016

Stampa questa pagina Invia questa pagina Facebook Twitter

17/05/2016

Friuli Innovazione, gestione positiva

"Promuovere la cultura dell’innovazione a 360° resta la nostra mission principale , con l'obiettivo, importantissimo, di contribuire a dare risposte concrete e posti di lavoro qualificati ai nostri giovani"

Così il neoeletto presidente di Friuli Innovazione Germano Scarpa, durante l'annuale conferenza stampa di presentazione dei risultati di bilancio e di attività.

Il 2015 si è chiuso con il segno più, per la quarta volta nel lustro 2010-2015, a riprova di una gestione efficace a dispetto del difficile momento economico.

“Friuli Innovazione è un ente peculiare - ha rimarcato il novo Presidente - E' un organismo senza scopo di lucro che si autofinanzia principalmente procurandosi contributi attraverso schemi competitivi europei, nazionali o regionali, ai quali partecipa presentando progetti di ricerca e innovazione.”
“Questa realtà è un asset che lavora per la crescita del territorio, promuovendo la cultura di impresa a 360° - ha detto Scarpa, che è anche il primo imprenditore ad assumere la guida di Friuli Innovazione – Bisogna ottimizzarne l’utilizzo perché sia sempre più efficace, poiché efficiente lo è già. Per farlo è necessario il contributo di tutti, a partire dai nostri soci che rappresentano il mondo dell’industria, della finanza, della ricerca e del governo locale. Non può mancare però una stretta collaborazione con la governance regionale, che deve fare la sua parte per inserire il contributo di Friuli Innovazione in un disegno coerente più grande”.

I dati presentati mostrano che il valore della produzione di Friuli Innovazione nel 2015 è stato di 1,7 milioni di Euro (era di 2,2 milioni l’anno precedente), con un utile ante imposte di poco più di 39 mila euro. Tra le voci principali rimane predominante, anche se in costante diminuzione dal 2011, la voce “contributi da progetti nazionali e regionali”, mentre viceversa è cresciuta costantemente la voce “ricavi per servizi di insediamento”, coerentemente all’ampliamento del Parco scientifico, completato nel 2013. Non è stato erogato nel 2015 il contributo di funzionamento assegnatoci dalla Regione FVG e anche la quota di ricavi da progetti europei si è ridotta a causa dei ritardi nei bandi della programmazione UE 2014-2020.
Tra le attività più significative riferite all’anno scorso, vi è la prosecuzione delle relazioni con realtà affini di Carinzia e Slovenia dedicate al supporto dell’imprenditorialità, per creare una piattaforma trilaterale capace di dare all’intera area transfrontaliera una caratterizzazione specifica, fatta di servizi e professionalità per le giovani startup, che possa attrarle anche da altre parti del mondo. In questo contesto si inserisce anche l’inaugurazione di uno spazio di coworking per professionisti in transito.
 

Home page