Italiano | English A A A | site map
menu ≡

Imprese in rosa per l'area adriatico-ionica

Stampa questa pagina Invia questa pagina Facebook Twitter

20/10/2015

IX Congresso impresa femminile del Forum che riunisce le Cciaa di 7 paesi

Il futuro della macro-regione adriatico ionica passa attraverso l’impresa femminile

Nuove proposte e progetti da condividere in tutti i territori che si affacciano sui due mari, alla due-giorni che si è tenuta per la prima volta in Italia e si è conclusa con la visita a Friuli Innovazione 

 

Un momento della visita all'incubatore Techno Seed

 

Una business school per le donne imprenditrici, per una formazione continua all’imprenditorialità, soprattutto nelle tante sfaccettature dell’innovazione, tanto dei processi, quanto dei prodotti e dei materiali, e pure dell’organizzazione del lavoro e dell’impresa. O ancora percorsi originali per stimolare le start up giovanili attraverso una formazione specifica al processo imprenditoriale. Sono alcune delle idee condivise con entusiasmo dalle donne della macro-regione adriatico-ionica. Donne, imprenditrici e rappresentanti di Cciaa e altre istituzioni economiche, che si sono riunite a  per la prima volta in Italia con l’organizzazione della Camera di Commercio di Udine, per il nono Congresso sull’economia al femminile del Forum degli enti camerali dell’area. Attivo dal 2001, il Forum riunisce le realtà di Italia, Croazia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Slovenia, Grecia ed Albania.

Lunedì 19 l’apertura e la condivisione dei contesti istituzionali, del credito, delle opportunità per le imprese femminili derivanti da reti e cluster, come punto di partenza per lo sviluppo dell’economia di tutta l’area. Oggi (martedì), la giornata conclusiva, con una mattinata intensa suddivisa tra due tavoli tematici e la conclusione delle due giorni a Friuli Innovazione a Udine, per conoscere i servizi offerti al territorio dalla struttura di ricerca e in particolare le modalità con cui vengono erogati i servizi a sostegno della nuova imprenditorialità  dall'incubatore certificato di impresa Techno Seed, che può vantare esperienza decennale e una cinquantina di startup accompagnate nei primi anni di vita. 
«Presentare il nostro modello di incubatore pubblico ai visitatori del Parco e poterci confrontare con loro sulle peculiarità che contraddistinguono la nostra offerta e i risultati ottenuti in Techno Seed è sempre un momento stimolante – ha detto il direttore di Friuli Innovazione Fabio Feruglio –. Inoltre, ci fa particolarmente piacere aver avuto modo di ospitare la delegazione delle imprese femminili dell’Adriatico e dello Ionio perché in questa area geografica saranno molte le opportunità per approfondire reciproche collaborazioni con i prossimi programmi di cooperazione europei, con un focus principale sull'imprenditorialità innovativa».

Home page