Italiano | English A A A | site map
menu ≡

Passa per Udine il futuro dell'automobilismo mondiale

Stampa questa pagina Invia questa pagina Facebook Twitter

03/11/2008

2nd VI-grade User's Conference

“La VI-Grade User’s conference, che porta da domani a Udine, in collaborazione con Friuli Innovazione, oltre un centinaio fra ingegneri, tecnici e progettisti in rappresentanza delle maggiori case automobilistiche, motociclistiche, ferroviarie e aeronautiche del mondo, dimostra non solo la capacità di innovazione e l’elevato standard qualitativo delle nostre imprese, ma anche il grande contributo e la grande compenetrazione e collaborazione fra imprese, Università e Friuli Innovazione, collaborazione che si tocca con mano in molte realtà e che in questo caso può essere l’amalgama vincente per creare in Fvg, assieme ad altre istituzioni, un centro di eccellenza per le tecnologie della prototipazione virtuale e testing e un Distretto delle tecnologie digitali nell’area dei comuni di Tavagnacco, Udine e Reana del Rojale”. Lo hanno evidenziato stamani nel corso di una conferenza stampa che si è svolta in rettorato, il magnifico rettore dell’Università di Udine Cristiana Compagno e il presidente di Friuli Innovazione e sindaco di Udine Furio Honsell.

Non a caso, oltre al direttore di Friuli Innovazione Fabio Feruglio e al direttore scientifico della VI-Grade Diego Minen, era presente anche il sindaco di Tavagnacco Mario Pezzetta, che per primo ha lanciato la proposta di creare un Distretto delle tecnologie digitali, Distretto che è già in avanzata fase di concretizzazione e al quale collaborano anche la Camera di commercio e la Provincia di Udine. “Credo che questa due giorni – ha detto Pezzetta – darà a tutti maggiori energia e consapevolezza per accelerare il percorso di realizzazione del Distretto che può rappresentare per tutta la regione un centro d’eccellenza all’avanguardia nel mondo. Ci sono tutte le precondizioni per costruire una buona fetta del nostro futuro, basta solo unire le forze”.

“È dal 2007 – ha spiegato Feruglio – che VI-Grade collabora con Friuli Innovazione nell’ambito dell’Acceleratore di impresa, un servizio che supporta la crescita e lo sviluppo di piccole e micro imprese high-tech. Proprio nel 2007 Friuli Innovazione e VI-Grade hanno avviato il progetto “ICT e hi-tech: dalle tecnologie attuali a quelle del futuro” finanziato dalla Regione Fvg e finalizzato ad avviare nuove ricerche nel settore della simulazione virtuale, oltre a sviluppare in regione un centro di eccellenza per le tecnologie della prototipazione virtuale e testing, in collaborazione con l’Università di Udine.

“L’idea di organizzare questo grande evento a Udine – ha detto Minen – è nata con l’obiettivo di coinvolgere, assieme a Friuli Innovazione, che ringrazio per la grande collaborazione, le istituzioni locali e le associazioni di categoria per sostenere lo sviluppo di un centro di ricerca dedicato al settore della simulazione virtuale. Stiamo intensificando, tramite Friuli Innovazione – ha concluso Minen - i rapporti con l’ateneo friulano anche per valorizzare i talenti espressi dalle facoltà scientifiche”.

Molte e qualificate le presenze di rappresentanti delle più prestigiose case. Sono previsti i contributi di Ferrari F1 e Produzione, Porsche, Opel, Audi, Abarth, Dallara Automobili, Ducati Corse, Aprilia, Piaggio, KTM, Lockheed Martin, British Aerospace, Alenia Aeronautica per citare alcune delle più prestigiose. Previste anche le relazioni di esperti del Politecnico di Torino, Politecnico di Milano, delle Università di Catania e di Perugia, e di istituti di ricerca quali Manchester Metropolitan University e la Warsaw University of Technology.

La VI-Grade è una società italo-tedesca con sedi in Germania, Italia, Giappone e Usa, leader nelle tecnologie di simulazione virtuale applicate al settore dei trasporti. La sede di ricerca e sviluppo è a Tavagnacco. All’incontro era presente anche Guido Bairati, direttore vendite internazionali di VI-Grade.

Home page