Italiano | English A A A | site map
menu ≡

Start up innovative, un aiuto per la crescita occupazionale

Stampa questa pagina Invia questa pagina Facebook Twitter

11/12/2015

Oggi in Cciaa Udine l’ultima tappa del Roadshow Mise, Unioncamere e rete Cciaa italiane.

L’innovazione conta: ogni posto di lavoro creato in un’impresa innovativa è in grado di generarne 5, nel lungo periodo, in altre industrie collegate.

Le start up sono imprese motivate alla crescita veloce, aperte a conquistare un mercato internazionale, sono capaci di aggregare talenti e professionalità eterogenei e sono vocate a innovazioni di prodotto e processo. Tutti paradigmi, questi, come ha spiegato in Cciaa Udine Mattia Corbetta del Ministero dello Sviluppo Economico, che messi a sistema porterebbero influenze estremamente positive sul resto del tessuto produttivo tradizionale, anche se le start up innovative sono una piccolissima parte dell’economia. La loro crescita è sostenuta da diverse misure, che il Governo ha varato in tempi recenti e sta continuando ad ampliare.

Corbetta è intervenuto a Udine all’ultima tappa del Roadshow che ha toccato tante città d’Italia. In regione, le start up innovative non sono molte in valore assoluto, ma in proporzione al resto delle imprese sono "pesi" importanti. Come nel resto d’Italia, poi, sono in crescita costante. In provincia di Udine, troviamo le start up innovative prevalentemente nella produzione di software, consulenza informatica e attività connesse (28,6%), nella ricerca scientifica (17,1%), nei servizi informatici e nella fabbricazione di apparecchiature elettriche e per uso domestico (11,4%) ma anche in settori diversi come nelle industrie alimentari (5,7%). La maggioranza di queste imprese ha un capitale sociale che va dai 5 ai 10 mila euro, mentre solo il 2,7% a Udine e il 5,4% in Fvg ha oltre 250 mila euro di capitale. In Fvg sono 47 i finanziamenti (per 9.684.640 euro) ricevuti dalle startup innovative facilitati dal Fondo di Garanzia per le Pmi (al 31 agosto).

Al confronto in Cciaa sono intervenuti anche Andrea Muti di Unioncamere, Giuseppe Diamante dell’Università di Udine, Fabio Feruglio di Friuli Innovazione, Giorgio Gerometta Bic Incubatori Fvg, Fabrizio Rovatti Area Science Park, Francesco Scolari Polo Tecnologico Pn, Lydia Alessio-Vernì vicedirettore centrale attività produttive della Regione, Francesco Zani dell’Ordine dei commercialisti di Udine. Con loro anche le esperienze delle start up e idee innovative del Fvg Advantech Time Srl, Modefinance, Neuromicronica.

Home page