Italiano | English A A A | site map
menu ≡

Equal – Mobilità e Conoscenza

Il progetto Mobilità e Conoscenza - Sistema locale per la formazione continua è finanziato dall'Iniziativa Comunitaria Equal Fase 2 e ha la finalità di promuovere l’apprendimento lungo l’arco della vita e le buone pratiche orientate all’inserimento lavorativo e di favorire l’assunzione e il mantenimento dell’occupazione di coloro che sono vittime di discriminazione e disparità nel mercato del lavoro.
Il progetto è stato avviato il 30 giugno 2005 e si è concluso il 30 giugno 2008.
Le finalità principali hanno compreso una fase di ricerca e una di promozione. Attraverso la prima si sono sperimentate metodologie e prassi per la valorizzazione delle risorse umane volte a contrastare le discriminazioni, in particolare nell’ambito delle piccole e medie imprese; tra gli obiettivi, inoltre, c'erano la sperimentazione di modelli di messa in trasparenza e di riconoscimento delle competenze dei lavoratori più deboli e lo sviluppo di metodologie e di strumenti per l’innalzamento delle loro competenze di base.
La fase della promozione ha riguardato principalmente la cultura dell’apprendimento ed è stata attuata attraverso interventi a sostegno dei settori locali per adeguare o creare competenze professionali per la gestione dei processi di cambiamento. In particolare si sono promossi fra le PMI  processi di innovazione come forma di accompagnamento dei cambiamenti produttivi di mercato.

I partner 

  • IAL FVG in qualità di capofila.
  • Cres Centro Regionale Servizi
  • EN.A.I.P. FVG
  • ENFAP Ente Nazionale per la Formazione e Addestramento Professionale
  • CONFAP Confederazione Nazionale Formazione Aggiornamento Professionale
  • Friuli Innovazione
  • Scienter
  • Cooperativa Cramars


I partner di rete sono: Ebiart, Ente Bilaterale Commercio, Ente Bilaterale Turismo, Ente Bilaterale PMI, Organismo Bilaterale regionale FVG

Gli sviluppi

Le aree di intervento sono state organizzate in laboratori di sperimentazione: 

  • LABORATORIO ORIENTAMENTO: all’interno di questo laboratorio si è definito un modello di orientamento e counselling e sono stati attivati servizi di facilitazione dell’accesso alla formazione a imprese e lavoratori. Friuli Innovazione ha formato e coordinato un gruppo di ricercatori dell’Università di Udine impegnati in un’attività di analisi dei processi e in una definizione di alcune figure professionali nei settori del legno, turismo e logistica.
  • LABORATORIO FORMAZIONE: questo laboratorio si è occupato della progettazione di percorsi formativi e prodotti didattici innovativi, attraverso metodologie adatte all’open learning con l’ausilio anche di un team di ricercatori dell’Università di Udine coordinati da Friuli Innovazione.
  • LABORATORIO PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA: in questo laboratorio si è provveduto alla validazione dei repertori sviluppati e sperimentati nelle attività di progetto e alla definizione di standard e strumenti per il riconoscimento formale dei nuovi ruoli formativi dell’impresa. Friuli Innovazione ha individuato e coordinato alcuni ricercatori dell’Università di Udine i quali hanno condotto una ricerca sulle fragilità socio-professionali.


Oltre all’articolazione del progetto in Macrofasi e Attività sviluppate all’interno dei laboratori sopra descritti, sono state definite anche tre tipologie di attività trasversali necessarie alla realizzazione e al completamento dell’iniziativa, relative all’organizzazione, al monitoraggio/valutazione e alla comunicazione/mainstreaming. Friuli Innovazione ha partecipato a tutte le attività, coordinando in particolare il gruppo di esperti che si è occupato della realizzazione del sito web www.qui.fvg.it implementandolo con un meta motore di ricerca che permette di individuare l’offerta formativa presente in Regione e più adeguata alle esigenze dell’utente. 

I risultati
Le linee guida per la definizione di un modello di pianificazione dei percorsi di sviluppo e mobilità (“Il bilancio di competenza a servizio dello sviluppo. Una ricerca sperimentale svolta in Friuli Venezia Giulia”) sono stati il risultato raggiunto all’interno del LABORATORIO ORIENTAMENTO. Sono stati allestiti, inoltre, 5 skill center per l’orientamento e la pianificazione della formazione personalizzata presso i distretti industriali o altre realtà similari e 246 utenti hanno usufruito di un servizio di counselling personalizzato.
La progettazione di percorsi formativi e prodotti didattici innovativi condotta nel LABORATORIO FORMAZIONE ha permesso la realizzazione di 2 report, “La programmazione della formazione permanente a catalogo nella Regione Friuli Venezia Giulia. Lezioni dall’esperienza precedente e suggerimenti per la programmazione” ed il “Rapporto sull’accessibilità e leggibilità delle offerte formative per imprese e lavoratori” e delle “Linee guida per l’elaborazione e gestione di metodologie didattiche, di strumenti e contenuti specifici per i servizi open-learning”.
Il LABORATORIO PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA ha permesso la realizzazione di un Rapporto regionale sulle filiere produttive a forte rischio di fragilità socio-professionale dei lavoratori e la stesura delle Linee guida per la lettura e la gestione anticipata delle fragilità socio-professionali.