Italiano | English A A A | site map
menu ≡

SVILUPPO DI RIVESTIMENTI CERMET E CERAMICI INNOVATIVI

Attualmente esistono molteplici famiglie di materiali per rivestimenti che possono essere applicati su diversi substrati attraverso tecnologie di deposizione tra loro assai differenti. I rivestimenti si sono da sempre rivelati essenziali per migliorare le proprietà dei materiali: dalla prevenzione dei fenomeni di usura, erosione e corrosione, all’isolamento termico e alla valorizzazione di importanti caratteristiche funzionali. Lo sviluppo competitivo spinge verso una continua innovazione in questo settore e la ricerca scientifica e tecnologica, sia a livello nazionale che internazionale, risulta essere molto attiva.
Questo progetto di ricerca nasce dalla necessità di ricercare alternative innovative ed ambientalmente compatibili ai tradizionali rivestimenti galvanici (cromo, cromo duro o nichelatura), attualmente impiegati in vari settori industriali, che presentano elevata tossicità. Le tecniche di deposizione “Thermal Spray” e di deposizione in fase vapore, oggetto di studio, consentiranno lo sviluppo di nuove conoscenze, know-how, e processi tecnologici innovativi nel campo dei rivestimenti cermet e ceramici, favorendo la promozione di un’attività di ricerca funzionale allo sviluppo del territorio, dato l’impatto su un ampio numero di aziende rappresentative del settore manifatturiero e l’aumento delle competenze del Laboratorio di Metallurgia e Tecnologia delle Superfici e dei Materiali Avanzati di Friuli Innovazione.

Partner

  • Friuli Innovazione, gestore del progetto
  • Università dgli Studi di Udine
  • Stark spa
  • Corbellini spa

 
Attività
Il progetto si colloca inizialmente nell’ambito della ricerca scientifica e tecnologica. L’attività di ricerca mira infatti allo studio micro-strutturale di meccanismi di protezione e degrado di rivestimenti innovativi sia cermet che ceramici realizzati con tecnologie di deposizione per spruzzatura termica (Thermal Spray) e deposizione in fase vapore (CVD o PVD). Si tratterà in seguito di un’attività di ricerca applicata e industriale, perché le conoscenze sviluppate saranno condivise con due aziende operanti nel settore metallurgico, con l’obiettivo finale di industrializzare le innovazioni valutate per i diversi processi di deposizione considerati.
L’attività di ricerca sarà suddivisa in due fasi principali legate essenzialmente alle diverse tecnologie di deposizione indagate. Nella prima fase la massima attenzione verrà posta allo studio delle tecniche di deposizione “Thermal Spray”, mentre la seconda fase sarà principalmente dedicata allo sviluppo dei processi di deposizione in fase vapore.
I rivestimenti innovativi che la ricerca punta a sviluppare, a parità di altre caratteristiche, dovranno presentare una migliore resistenza alla corrosione del cromo duro per sua “natura” limitata e comunque insufficiente per determinati impieghi; una migliore resistenza all’usura rispetto a rivestimenti galvanici a base nichel e una migliore “compatibilità” ambientale tale da rispondere alle tendenze legislative in atto, e, in particolare, alla direttiva Europea n°2000/53 la quale prevede il graduale divieto dell’uso del cromo esavalente nei processi produttivi.